BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Auto elettriche: prezzi e modelli con incentivi 2012. Quanto costano?

I prezzi delle auto elettriche con i nuovi incentivi in arrivo: di quanto scenderanno?



Arriveranno in Italia a partire dal 2012 nuovi incentivi per auto elettriche fino a 5.000 euro per l'acquisto di un'auto elettrica che avverrà entro il 2012, mentre la cifra scenderà a 3.000 euro per le vetture acquistate nel 2013. I fondi necessari a finanziare le agevolazioni sarebbero coperti dalla tassazione di 1 centesimo e mezzo prevista sulle bottiglie di plastica.

A beneficiare degli eventuali contributi sarebbero solo sei modelli: la Citroen C-Zero, la Nissan Leaf, la Mitsubishi i-MiEV, la Renault Kangoo Z.E., la cugina Peugeot iOn e la Smart electric drive.

A queste si aggiungeranno però nel 2012 altri attesi modelli come le elettriche ad autonomia estesa Opel Ampera e Chevrolet Volt e la Renault Fluence Z.E. Quando saranno disponibili i nuovi incentivi stabiliti dal governo per l'acquisto di auto elettriche, dunque, il prezzo d'acquisto di esse scenderà notevolmente.

Attualmente, per esempio, Citroen C-Zero, Mitsubishi i-MiEV e Peugeot iOn sono commercializzate a circa 36.000 euro, con gli incentivi ci vorranno circa 30.000 euro per acquistare queste city car. Il colpaccio potrebbero farlo le elettriche Renault e Nissan, cioè Fluence, Kangoo, Zoe e Leaf, che però in Italia attualmente si possono solo prenotare.

Il prezzo della berlina a emissioni zero è di 27.200 euro, che potrebbero scendere a 22.200 euro; il prezzo di partenza del furgonetto Kangoo, di 20.000 euro scenderebbe a15.000 euro, mentre per la B Zoe (in arrivo entro la fine del 2012) dao 18-20.000 euro, si dovrebbe passare a 13-15.000 euro. Un pò più cara sarà la Nissan Leaf, che dovrebbe costare circa 30.000 euro che dovrebbero scendere poi a 25.000.

Diverso il discorso per Opel Ampera e Chevrolet Volt, in arrivo anch'esse nel 2012, entrambe elettriche range extended, che sfruttano cioè un motore termico quando il livello di carica delle batterie scende oltre una certa soglia. Sono elettriche, dunque, ma non del tutto per cui resta incerta la soluzione che per essere sarà adottata.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il