Prestiti vacanze 2011: migliori offerte a confronto

Sempre più italiani richiedono prestiti per fare viaggi: le migliori offerte



Gli italiani rinuncerebbero a tutto ma non alle vacanze estive e sono sempre più coloro che pur di partire, nonostante le difficoltà economiche, decidono di richiedere prestiti. Proprio per il numero elevato di cittadini che si rivolge a queste soluzioni, sono nate diverse offerte tra cui poter scegliere, in base alle proprie esigenze.

Le cosiddette ‘ferie a rate’ sono un fenomeno in crescita e le richieste di finanziamento sono aumentate del 27%: a comunicare i dati è l’associazione Codici che mostra che nel 2010 oltre 35 mila italiani si sono rivolti al credito al consumo per fare un viaggio.

Le cifre maggiori vengono richieste dai cittadini del Mezzogiorno: in vetta alla classifica ci sono i siciliani, che arrivano a richiedere quasi 10 mila euro per finanziare le vacanze; seguono i calabresi e i sardi, con 8.500 euro, Friuli Venezia Giulia, Veneto e Lazio. Più moderate le regioni del Centro, dove Marche (4.500 euro), l'Abruzzo (4.600 euro) e l'Umbria (4.900 euro) mostrano valori sotto la media nazionale.

Per scegliere la giusta tipologia di prestito, gli italiani si rivolgono sempre più spesso al web. Secondo una ricerca condotta da Nielsen, nel mese di giugno, 18 milioni di italiani hanno visitato almeno un sito della categoria travel, con una crescita del 17% rispetto al 2010 e per questo SuperMoney, il portale di confronto prestiti e tariffe, ha valutato le offerte di finanziamento di 17 banche per trovare la soluzione più adatta alle proprie esigenze.

Prendendo il caso di una richiesta di prestito finalizzato a viaggi e vacanze di 8 mila euro da restituire in tre anni, le proposte più convenienti sono la cessione del quinto Rata Bassotta di IBL Banca per i dipendenti pubblici o statali, che ha un taeg del 7,98% e una rata di 250 euro al mese, mentre per i lavoratori privati la migliore offerta risulta quella di Prestito Findomestic, con taeg dell’8,81% e rata di 253 euro al mese.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il