Evasione fiscale: nuove norme con arresto e prigione in manovra finanziaria agosto

Spunta il carcere per gli evasori fiscali



Prima salta la stretta sui riscatti previdenziali, poi rispunta la possibilità di una pubblicazione online dei redditi degli italiani ed ora si parla di pesanti sanzioni, arresti e carcere, per gli evasori fiscali. “I dettagli ancora non sono definiti, hanno riferito fonti del Pdl, ma si dovrebbe intervenire anche sul versante della deterrenza penale” nel contrasto all’evasione fiscale.

Un’altra fonte cita invece l’ipotesi dell’inasprimento delle sanzioni e delle pene fino al carcere per chi si macchi di reati particolarmente gravi. La manovra finanziaria di agosto punta, dunque, a recuperare denaro mirando soprattutto a chi evade il fisco, pronta a mettere a punto sistemi di controllo sempre più capillari ed efficienti per scovare i furbetti.

Per evitare di incorrere nell’arresto, l’evasore, però, potrebbe scegliere il cosiddetto concordato fiscale, una sorta di condono per cui prima di incorrere nelle sanzioni del Fisco per mancata dichiarazione o dichiarazione non congrua, a seguito di specifici controlli, potrebbe sanare la sua posizione stabilendo, in concordato appunto, col Fisco la somma da pagare.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il
Puoi Approfondire