BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Fatture elettroniche nelle aziende italiane: la situazione attuale

Ancora poco diffuso il sistema di fatturazione elettronico: i motivi



Potrebbe far risparmiare molti soldi eppure il sistema di fatturazione elettronica in Italia non è una realtà ancora molto diffusa nelle aziende. Secondo l'Osservatorio del Politecnico di Milano, solo una Pmi su sette dematerializza ordini e pagamenti.

Dai dati raccolti dall'Osservatorio di Milano, emerge che circa un'impresa su due tra quelle medio grandi (con più di 250 dipendenti) e circa una su sette tra le medio piccole (tra 10 e 250 dipendenti) utilizzano le fatture elettroniche.

Il motivo che rende ancora poco sviluppato questo sistema non è, però, la carenza di strumenti tecnologici, perchè fra firma digitale, soluzioni di scansione, software di riconoscimento automatico (Ocr) e i diversi canali di comunicazione (sistemi Edi, reti extranet, la stessa posta elettronica certificata), le aziende non avrebbero che l'imbarazzo della scelta.

Ma, in un momento in cui è forte l'esigenza del risparmio dei costi per la Pubblica amministrazione, nelle varie manovre non esiste un provvedimento per introdurre la digitalizzazione degli atti amministrativi nei rapporti con la Pa.

Secondo le sitme dell'Abi la piena diffusione della fattura elettronica dovrebbe comportare minori costi per il Paese stimati tra 10 e 60 miliardi di euro l’anno, pari a una quota di Pil tra l’1% e il 4% e solo la Pubblica Amministrazione risparmierebbe circa 3 miliardi di euro l’anno.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il