BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Manovra finanziaria 2011 approvata in Senato: tutti i punti con ultime novità

La manovra finanziaria 2011 incassa la fiducia al Senato. Ora tocca alla Camera



La manovra finanziaria 2011 ha incassato la fiducia al Senato con 165 sì, 141 no e 3 astenuti su 309 e vale quasi 60 miliardi di euro in 4 anni. Soddisfatta la maggioranza esulta, mentre restano le critiche delle opposizioni che reclamano, subito dopo l'approvazione della finanziaria bis, un nuovo esecutivo. Complessivamente le manovra economica vale per il 2013, anno in cui dovrà essere raggiunto il pareggio di bilancio, 54,265 miliardi di euro.

Dopo la definizione delle ultime modifiche, il provvedimento impatterà positivamente sul deficit per 4,343 miliardi nel prossimo anno e 4,399 miliardi nel 2013, mentre nel 2011 l’impatto sull’indebitamento netto sarà di 700 milioni. Quasi tutto il gettito aggiuntivo arriva dall'aumento dell'Iva dell'1% che scatterà dall'entrata in vigore della manovra.

Le altre novità prevedono il contributo di solidarietà del 3% per i redditi oltre 300.000 euro, misura che sarà in vigore fino al raggiungimento del pareggio di bilancio anche per gli anni successivi il 2013; l'incremento dell'età pensionabile per le donne nel settore privato dal 2014; una maggiore stretta sugli evasori, per cui è prevista la reclusione se raggiungono evadono una somma superiore a 3 milioni di euro. Inoltre, salta la certificazione dei debiti che la P.A. ha contratto con le imprese.

Il provvedimento, approvato in commissione Bilancio e saltato nel maxiemendamento, dava la possibilità alle banche di poter riscattare i debiti delle imprese. La nuova finanziaria prevede, inoltre, tra le altre misure bonus bebè illeciti da restituire entro tre mesi; il via libera alla vendite delle caserme, nuove regole per le festività; deroga al blocco del turnover per le Regioni con deficit sanitario; riduzione delle tariffe elettriche; via libera al riordino degli uffici giudiziari e una revisione integrale della spesa pubblica.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il