BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Fallimento Grecia: cresce la possibilità di default

La Germania non esclude un fallimento controllato della Grecia per salvare la moneta unica



Anche il ministro dell'Economia Philipp Rosler si unisce alle autorità tedesche che ipotizzano la possibilità di chiedere la bancarotta per la Grecia per salvare l'euro. Rosler trova insufficienti gli sforzi di risanamento intrapresi da Atene e ha avvertito “Il Governo greco sa bene a quali condizioni sono stati concessi gli aiuti.

La Grecia si è presa un impegno. Se ci sarà una violazione di questi accordi deve esserci la revoca temporanea dei diritti di voto nel Consiglio dei ministri dell'Unione europea. È una misura che non può restare un tabù.

Per stabilizzare l'euro, non bisogna aver timore di pensare ad alcune opzioni, e far queste, se si hanno a disposizione gli strumenti necessari, anche l'insolvibilità ordinata della Grecia” e ha sottolineato come le misure di austerità previste da alcuni Paesi possano non essere sufficienti.

Roesler ha, inoltre, lanciato la proposta di un sistema automatico di sanzioni per i Paesi che non rispettino le regole, siano esse di tipo economico oppure politico, come ad esempio una sospensione temporanea del diritto di voto in seno all'Ue. Intanto la Grecia annuncia nuove misure di austerità per circa 2,5 miliardi di euro per sbloccare l'arrivo degli aiuti internazionali.

Secondo il ministro delle Finanze greco, Evangelos Venizelos, il nuovo sforzo si baserà essenzialmente sull'introduzione di nuove tasse sugli immobili, che verranno introdotte per due anni. Venizelos ha detto che la nuova tassa ai cittadini costerà in media tra i 4 e i 10 euro per metro quadrato.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il