BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Stage: nessuna limitazione. Circolare spiega le nuore regole in manovra finanziaria

Le nuove regole per gli stage formativi



La manovra finanziaria 2011, insieme alle misure che hanno fatto più discutere e che dovrebbero valere miliardi, tali da riportare l’Italia a pareggio di bilancio nel 2014, prevede anche nuove disposizioni sugli stage formativi.

Innanzitutto, le novità prevedono che si possa far ricorso agli stage solo per sei mesi entro un anno dalla laurea, offrendo ai giovani sempre meno possibilità di entrare nel mondo del lavoro, andando ad aggravare una situazione già di per sé difficile.

Il mercato del lavoro giovanile in Italia, infatti, non registra alcun dato buono. Tutt’altro: la situazione sembra decisamente allarmante in un Paese dove, soprattutto i laureati e gli specializzati, non riescono a trovare un’occupazione.

I limiti imposti dalla manovra riguardano i tirocini non curriculari, quelli non inseriti in programmi di alternanza scuola-lavoro o legati a istituti professionali. Esclusi i master universitari, mentre per tutti gli altri, possono essere promossi unicamente a favore di neo-diplomati o neo-laureati entro dodici mesi dal conseguimento del titolo di studio e non possono avere una durata superiore a sei mesi, proroghe comprese.

Non rientrano nella stretta della manovra di Ferragosto gli stage per il reinserimento nel mercato del lavoro dei disoccupati, lavoratori in mobilità inclusi. Fuori anche quelli promossi a favore degli immigrati, nell'ambito del decreto flussi, e gli stage destinati a ulteriori categorie di persone svantaggiate, destinatarie di specifiche iniziative promosse dal ministero del Lavoro, Regioni e Province.

Secondo quanto previsto, per esempio, un lavoratore iscritto alle liste di mobilità, perché licenziato, potrà frequentare senza limitazioni un tirocinio formativo. Bene anche per le altre persone svantaggiate, tra cui figurano disabili, invalidi, gli immigrati nell'ambito dei decreti flussi, i richiedenti asilo e i titolari di protezione internazionale. Stretta per le scuole di formazione private, non universitarie.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il