Malattia dipendenti pubblici e stipendio più basso: legge Brunetta contestata va alla Consulta

Ammalarsi diventa un lusso: la legge Brunetta approda in Consulta



La legge Brunetta su malattia e stipendi decurtati approda in Consulta. Ammalarsi diventa un lusso che il lavoratore non potrà più permettersi e ciò appare in contrasto con l'articolo 36 della Costituzione che prevede che sia garantita una retribuzione proporzionata ed in ogni caso sufficiente a garantire un'esistenza libera e dignitosa.

Il giudice del lavoro di Livorno Jacqueline Monica Magi ha sollevato la questione di legittimità costituzionale sulla cosiddetta legge Brunetta, che prevede per i dipendenti pubblici una decurtazione dello stipendio per i primi 10 giorni di malattia.

Per il giudice la norma presenta segni di incostituzionalità e rileva un'illegittima disparità di trattamento nel rapporto di lavoro dei lavoratori del settore pubblico rispetto a quelli del settore privato; crea di fatto un abbassamento della tutela della salute del lavoratore che, spinto dalle necessità economiche, viene di fatto indotto a lavorare aggravando il proprio stato di malattia; e dati gli stipendi che percepiscono ad oggi i lavoratori del comparto pubblico, diventa tale da non garantire al lavoratore una vita dignitosa.

Pertanto, privare un lavoratore durante la malattia di parte dello stipendio e della retribuzione globale fa venire meno i mezzi di mantenimento e assistenza al cittadino in quel momento inabile al lavoro. Dal ministero della Pubblica Amministrazione fanno sapere che la norma contestata esiste anche in altri contratti collettivi.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il