BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutui giovani prima casa difficili da ottenere

Meno del 5% delle richieste viene accolta favorevolmente



Non è certo il momento migliore per decidere di acquistare una casa e accendere un mutuo. Eppure sono tanti, giovani e non, che decidono sempre più spesso di investire per il proprio futuro in un’abitazione che diventi il loro tetto per sempre.

Secondo un'indagine di Mutui.it, il 24% delle domande di mutuo prima casa arrivate al sito è compilato da persone sotto i 30 anni e questo testimonia da un lato, l'interesse dei giovani per l'acquisto della casa e, dall’altro, la loro familiarità con gli strumenti che internet offre per risparmiare.

Secondo i dati di Mutui.it, un preventivo su quattro, tra quelli che arrivano al sito, è richiesto da under 30 ma sono meno del 5% le richieste accolte dalle banche e andate a buon fine.

La richiesta media per il mutuo dei giovani è di 150.000 euro, pari al 77% del valore dell’immobile che si vorrebbe acquistare, oltre la metà (52%) degli interessati chiede il tasso fisso, solo il 25% quello variabile, mentre la durata media del finanziamento richiesto è di 26 anni.

Le caratteristiche di chi vuol comprare casa non cambiano a livello regionale, ma varia l’entità del prestito richiesto nelle aree in cui i costi degli immobili sono piuttosto elevati: Trentino, Lazio, Emilia Romagna e Veneto. In queste ultime due la percentuale di valore dell’immobile da finanziare è la più elevata, superiore all’80%.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il