BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Investire tra i 100 e i 200mila con la crisi economica: i consigli

I migliori investimenti per chi vuole rischiare per ottenere buoni rendimenti



In un momento, come quello attuale, quando le Borse crollano, il loro andamento è altalenante e i mercati finanziari traballano, investire cospicue somme è impegnativo e richiede molta attenzione. In un portafoglio di 100mila euro, secondo gli strategist di Horatius Sim, la quota di liquidità può limitarsi ad un 4% del totale e sarebbe meglio puntare a emissioni obbligazionarie governative con rating tripla A e sulla diversificazione in emissioni societarie, più sicure sotto il profilo del rischio emittente rispetto ai titoli di Stato.

Bene anche l’Etf di Deutsche Bank (8%) che investe in un paniere di materie prime e beni rifugio che comprende petrolio, oro, platino e metalli industriali, si tratta di un buon paniere caratterizzato da una grande stabilità di rendimento perché quando magari sale il prezzo del greggio diminuisce quello dei metalli preziosi e viceversa.

Chi ha, invece, un capitale finanziario da investire fino a una soglia di 200mila euro, se decide di rischiare, potrebbe anche veder crescere il rendimento fino a una soglia del 6,5-7% annualizzato. In questo caso gli esperti consigliano di puntare su titoli di utilities come Enel e EDF, Deutsche Telekom nelle telecomunicazioni e Metro nella grande distribuzione.

La scelta di investire in società industriali solide è che realizzano quote rilevanti di fatturato nei paesi emergenti ad alta crescita. Ma non solo, perché tra gli investimenti alternativi spicca anche la scelta di puntare sul comparto delle foreste e sulle commodities. 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il