BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Tasse su obbligazioni, Conto Termine, Etf, Fondi Comuni e azioni con manovra finanziaria

Gli investimenti migliori dopo le novità della manovra finanziaria 2011



La Manovra finanziaria 2011, dopo un iter un po’ burrascoso, è diventata definitivamente legge e porta con sé parecchie novità che peseranno anche sui risparmi degli italiani. In arrivo, infatti, le nuove aliquote sui proventi da attività finanziarie, novità che entrerà in vigore dal primo gennaio 2012 e avrà impatto sui rendimenti netti di alcuni strumenti di risparmio.

Il testo di legge in pratica prevede che i proventi da attività finanziare, a partire dal 1 gennaio 2012, vengano tassati al 20%, con l'eccezione di quelli derivanti dal possesso di titoli di Stato e strumenti assimilabili, per cui l'aliquota rimarrà quella 12,5%.

Nessun cambiamento toccherà, dunque, titoli di Stato italiani ed esteri, e i buoni fruttiferi postali, per cui resterà la tassazione agevolata del 12,5% (per i titoli del Tesoro questo prelievo sarà però applicato soltanto sulla cedola).

Per fare un esempio, se fino ad oggi l'investimento in un’obbligazione societaria pagava il 4,5% lordo ed era la scelta preferita dagli investitori perché assicurava un guadagno maggiore anche grazie a una tassa al 12,5%, con l’aliquota al 20% questo tipo di strumento offrirà un rendimento netto del 3,6% e ci saranno molti più investitori che preferiranno orientarsi verso un titolo di Stato, dal rendimento lordo più contenuto ma al più generoso.

Insieme ai titoli di Stato, andranno bene anche i conti deposito, in particolare quelli vincolato con tassi d’interesse più alti: oggi arrivano fino a punte del 4,57% lordo (per due anni), e i Pronti contro termine (Pct). Aliquota aumentata per azioni, Etf, dividendi, certificati e fondi comuni d’investimento. Il nuovo regime fiscale non sarà applicato a tutti gli investitori, ma varrà solo per le persone fisiche e alcune tipologie di enti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il