Taglio rating Italia di S&P: nuovi abbassamenti possibili

Dopo il declassamento di ieri, cosa ci attende per il futuro?



Dopo il declassamento annunciato dall’americana S&P, se anche Moody's che tiene sotto osservazione dallo scorso giugno l’Italia, dovesse decidere di allinearsi alle valutazioni di S&P, il rating italiano verrebbe tagliato di tre gradini in una sola volta, scivolando dalla ‘Aa2’ alla ‘A2’.

L'intervento sul rating di Moody's è atteso entro fine ottobre e c’è chi è convinto che questa agenzia abbia rinviato l'esito del review sull'Italia la scorsa settimana proprio perchè molto indecisa tra uno o due gradini di retrocessione.

Ma ora, l’inaspettata decisione di S&P potrebbe velocizzare il processo decisionale. Il declassamento di ieri non sembra, però, aver avuto conseguenze disastrose sui mercati, che sembra piuttosto siano rimasti a guardare: dopo un iniziale crollo delle Borse, infatti, i listini sono tornati a salire.

Se S&P dovesse dar seguito all'outlook negativo sulla ‘A’ nell'arco dei prossimi 7-12 mesi e se Moody's decidesse per un declassamento multiplo sull'Italia, l'Italia sprofonderebbe in una pesantissima crisi.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il