BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutui 100%: offerte a Settembre-Ottobre 2011 sempre meno

Calano sempre più i mutui 100%: la situazione



Sono sempre meno le proposte di mutui 100%, così chiamati perchè in grado di consentire il rispetto di un loan to value pari al 100%, diventati ambiti dai giovani e meno giovani, che privi di risorse proprie per potersi assicurare gli ordinari mutui all’80% del valore di mercato della casa, hanno intravisto nei mutui 100 per cento lo strumento utile per poter acquistare la prima casa.

Dal 2008 in poi, la vita dei mutui 100% è stata piuttosto altalenante. La crisi dei subprime prima, gli effetti delle incrementanti insolvenze nel mercato bancario italiano poi, le ristrettezze creditizie successive, hanno portato le banche a divenire sempre più prudenti nella concessione di mutui per l’intero (o quasi) valore commerciale dell’immobile oggetto di garanzia ipotecaria.

La conseguenza è stata un rapido abbassamento dei finanziamenti immobiliari sul totale dei mutui concessi dalle banche italiane. Anzi, la situazione attuale, secondo le rilevazioni di MutuiOnline.it, allontana gli istituti di credito dall’erogare importi di mutuo dal 100% del valore dell’immobile.

Una delle poche possibilità rimaste è quella offerta da Banca BHW, istituto tedesco operante anche in Italia dal 199, che offre ai suoi clienti potenziali mutuatari una serie di mutui ipotecari per la casa, fra cui Mutuo Sprint. Si tratta di un finanziamento a tasso fisso di banca BHW può erogare fino al 100% del valore dell’immobile.

L’erogazione del 100% del valore viene concessa solo per l’acquisto della prima casa e previo copertura assicurativa in aggiunta a quella obbligatoria incendio e scoppio che dovrà comunque essere corrisposta in unica soluzione e pari ad euro 0,22 per ogni mille di erogato moltiplicato la durata in anni del contratto. I tassi d’interesse previsti partono da un minimo del 4,90% per durate fino a 10 anni fino al massimo del 6,49% per durata di 30 anni.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il