BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Facebook: nuovo profilo Timeline ( diario ) da oggi attivo

Nuova Timelime per Facebook: cosa cambia



Ancora novità in casa Facebook: dopo i cambiamenti di qualche giorno fa che hanno toccato la home page e i profili utenti, arriva da oggi il nuovo Diario, così come viene chiamato in italiano. Si tratta della nuova Timeline di Facebook che comprende Copertina, Storie, Applicazioni.

La Copertina: Facebook invita gli utenti del social network blu a riempire l’ampio spazio messo a disposizione con un’unica immagine. Una fotografia che rappresenti al meglio l’utente. Si tratta del primo elemento che sarà mostrato a schermo a tutti coloro che visiteranno il diario dell’utente.

Storie è la sezione che consente agli utenti di condividere e mettere in evidenza i post più popolari, e le fotografie e gli avvenimenti importanti e degni di nota. Ogni utente, spiega Facebook, può raccontare la sua storia dall’inizio, senza saltare alcun dettaglio, mentre Applicazioni è lo spazio riservato alle citazioni dei film preferiti, alle canzoni che si ascoltano più spesso, alle attività che vengono praticate con maggiore frequenza e passione.

Il cambiamento a questa novità sarà graduale e si compirà fino al 4 ottobre. Mark Zuckerberg, ideatore di Facebook, ha spiegato che “nelle prime versioni del profilo si potevano vedere gli aggiornamenti degli ultimi cinque minuti della nostra vita, mentre dal 2008 è visualizzabile l'ultimo quarto d'ora. Adesso invece, il nuovo profilo mostra tutto il resto”.

La Timeline è una linea temporale che mostra tutte le attività che abbiamo svolto su Facebook, fin dal giorno della nostra iscrizione: aggiornamenti, interazioni con i nostri amici, foto e video caricati, applicazioni utilizzate. Zuckerberg ha detto che l’obiettivo del nuovo profilo è offrire a tutti una sorta di ‘casa digitale’, in cui possiamo esprimere noi stessi e mostrare ai visitatori del nostro profilo tutto o solo una parte di noi, dei nostri pensieri e delle nostre azioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il