BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Legge intercettazioni blog: Pdl va avanti, ma emendamenti. Manifestazione in piazza a Roma

No alla legge ammazza-blog: contrasta la libertà di informazione



Roma ancora sfondo di una nuova manifestazione di protesta contro la cosiddetta norma ammazza-blog contenuta nel DDL intercettazioni. Il PDL, infatti, va avanti, suscitando molte polemiche ed esplodono anche rivvolte in rete.

Il deputato del PDL Roberto Cassinelli ha presentato un emendamento per correggere il comma 29, dissociandosi però dalla manifestazione che si è tenuta  al Pantheon, sostenendo che “Questo è il momento del ragionamento e della collaborazione, non quello di dar vita manifestazioni di stampo politico che possono solo accendere lo scontro: perciò, pur condividendo le preoccupazioni sul comma 29, auspico un ripensamento sulla manifestazione programmata per domani al Pantheon, ed in ogni caso me ne dissocio.

La rete non ha bisogno di paladini, ma di ottenere dalle istituzioni un riconoscimento, pur tardivo, della propria rilevanza sociale. Il comma 29 va modificato perché danneggia ingiustificabilmente il mondo del blogging e della creatività online”.

A promuovere la protesta Cgil, Federeazione Nazionale della Stampa Italiana, Libertà e Giustizia e Articolo 21, che al Pantheon ha distribuito una sorta di giuramento di Ippocrate per i giornalisti e per chi si occupa di informazione che riportava ‘Giuro che se e quando la legge bavaglio sarà approvata mi impegnerò a fare prevalere sempre e comunque il dovere di informare e il diritto di essere informati’.

Erano decine i cartelli che ieri campeggiavano per città riportando scritte come ‘No ai bavagli’, mentre striscioni e bandiere sfilavano nella piazza per sottolineare il no ad un provvedimento ritenuto incostituzionale, perché in contrasto con l'articolo 21 sulla libertà di informazione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il