BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Bot, Btp, Ctz e titoli di Stato: tassi di interessi alti. Conviene comprare?

Rendimenti e rischi attuali dei prodotti finanziari



Bot, Btp, Cct dalla cedola variabile, titoli di Stato: gli investitori, soprattutto i piccoli, si chiedono in cosa e quanto convenga attualmente investire. I rendimenti sembrano in questo momento assicurati: 4,68% lordo sul BTp a 3 anni che diventa 4,08% al netto dell'imposizione fiscale e il 5,86% su quello a 10 anni (5,18% netto), rendimenti decisamente superiori ad altri titoli di Stato, che ribadiscono quanto siano appetibili i titoli di Stato italiani e le prospettive di incremento futuro per la domanda di Bot, Btp e Ctz, ma che dipendono, a rischio e pericolo dell’investitore, dall’alto livello di rischio dell’Italia in questo momento sui mercati.

Il fatto che nelle aste degli ultimi mesi il Tesoro debba offrire 20-30 centesimi in più rispetto ai tassi precedenti per le stesse scadenze sul mercato secondario e che il numero delle richieste in rapporto all'offerta sia in costante discesa rappresentano due fattori che certo non garantiscono un’iniezione di fiducia sul nostro Paese.

Qualche giorno fa una tranche di titoli decennali da 2,47 miliardi di euro è stata collocata dallo Stato sul mercato primario a un rendimento del 5,86%, superiore dunque a quello chiesto sul mercato secondario dove, tra i vari operatori, i titoli di stato vengono scambiati giorno per giorno.

L'incremento rispetto all'asta precedente è stato dello 0,64% e la domanda aveva proposto l'acquisto di oltre 3,39 miliardi di euro di questi titoli a fronte dei 2,47 miliardi di euro disponibili. Non è mancata, dunque, la domanda ma l'aumento dei rendimenti indica ancora sfiducia per l'Italia.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il