BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Crisi economica Italia: gli impatti per le aziende e le banche

Gli impatti della crisi su imprese e banche



Le banche hanno meno soldi ed elargiscono meno prestiti, le imprese non assumono più e la strada per la risalita sembra piuttosto lenta. Il Sole 24 Ore ha chiesto a sei economisti in che quadro macroeconomico le aziende italiane dovranno muoversi, quali sfide dovranno affrontare e come si evolverà il rapporto banche-imprese.

Ciò che ne è emerso è che se è vero che il sistema bancario e la Bce hanno gli strumenti per assorbire gli effetti di un default della Grecia, è anche vero che i problemi reali di questo default sono ciò che potrebbe succedere dopo, una caduta contagiante, che porterebbe gli investitori  ritenere che il sistema di governance europeo non è tanto forte da ristabilire un equilibrio caduto negli anni passati.

Per molte banche e imprese italiane uscire da questo momento di crisi non sarà facile. Sarà necessario migliorare l'efficienza per riconquistare la fiducia sui mercati e il sistema economico italiano, basato sulle piccole e medie imprese, offre aiuti, rispetto ad altre economie, a queste imprese nella sfida globale.

Del resto, investire sulle aziende è fondamentale perché il destino economico del Paese nei prossimi anni dipende soprattutto da loro. La crisi ha, inoltre, posto un freno importante ai processi di internazionalizzazione delle aziende, importante per le aziende italiane, anche se con la crisi i mercati si restringono e diventano ancor più competitivi, per cui il sistema produttivo italiano potrà rafforzare la sua presenza globale, se le aziende crescono e investono per battere la concorrenza sui mercati esteri.

Cambiano anche i rapporti banca-imprese: negli ultimi anni le banche hanno sostenuto il settore in crisi dell'industria e delle costruzioni e la nuova ondata di crisi intensificherà tali tendenze. Se la crescita passa anche dall'utilizzo del credito bancario, una corretta ed efficiente allocazione di quest'ultimo rappresenterebbe una variabile chiave attraverso cui rilanciare la competitività del sistema Paese.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il