BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Discorso Berlusconi oggi in Parlamento: spread Btp-Bund in rialzo

Berlusconi alla Camera chiede la fiducia: “Non mi farò lapidare dall’opposizione”



Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha parlato nell'aula di Montecitorio davanti alla sola maggioranza, per via dell'Aventino deciso dalle opposizioni. In un'aula semivuota, il premier ha parlato della votazione sul rendiconto dello Stato che ha visto il governo soccombere martedì, votazione che ha provocato una crisi istituzionale e che ha richiesto un voto di fiducia in programma domani.

Berlusconi ha detto: “Sono qui per chiedere il rinnovo della fiducia al governo che ho l'onore di presiedere. Un incidente parlamentare di cui la maggioranza porta responsabilità e di cui mi scuso ha determinato martedì scorso. È una situazione anomala che dobbiamo sanare con la fiducia politica.

Il governo chiede di avere confermata la fiducia perchè profondamente consapevole dei rischi che corre il Paese e perchè i tempi imposti dai mercati non sono compatibili con quelli di certe liturgie della politica. Non vi nascondo la gravità dell'incidente sull'articolo 1 del rendiconto generale dello Stato, ma ciò non può avere conseguenze sul piano istituzionale.

Chi nell'opposizione vuole continuare a erigere patiboli e continuare a lapidare ogni giorno un nuovo capro espiatorio sappia che ci troverà come ostacoli sulla sua strada. Non c'è alternativa credibile a questo governo.

Noi abbiamo intenzione di continuare a lavorare per il bene delle famiglie e delle imprese anche se contro di noi è stata fatta una campagna di inusitata violenza da parte di un'opposizione unita solo dall'antiberlusconismo ma che poi è totalmente divisa sulle politiche economiche”.

Ma il discorso fatto dal premier non sembra aver sortito alcun effetto positivo, considerando che alle 12:15 si registrava un differenziale tra i bund e btp italiani a 366 dopo aver toccato 370, mentre per una settimana il differenziale era rimasto sui 350.

Del resto, il nodo cruciale, e cioè quello di azioni concrete per il rilancio dell’economia italiana, non è stato affrontato, così come non è stato trattato il ddl sviluppo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il