Primo Febbraio: parte lo sciopero dell'abbonamento dei pendolari di Milano

Il risultato raggiunto in Piemonte, con il risarcimento ai pendolari per il prossimo mese di febbraio, è la dimostrazione che la proposta di sciopero dell’abbonamento (Campagna di disobbedienza civile), che ACU ha avanzato prima di Natale e che è tut



Il risultato raggiunto in Piemonte, con il risarcimento ai pendolari per il prossimo mese di febbraio, è la dimostrazione che la proposta di sciopero dell’abbonamento (Campagna di disobbedienza civile), che ACU ha avanzato prima di Natale e che è tuttora valida a livello nazionale, si dimostra pertinente ed efficace.

Non solo, ma a partire dal primo febbraio, ACU darà avvio alle cause civili di risarcimento per tutti i disservizi che i viaggiatori del trasporto ferroviario incontrano e denunciano.

La prima prova per verificare veramente gli intenti di Trenitalia a ritirare il nuovo orario ferroviario la si avrà venerdì 13 gennaio a Milano (incontro Trenitalia con le Associazioni dei consumatori/pendolari), considerando che la decisione comune dei Comitati e delle Associazioni è quella di evitare compromessi e pasticci.

La seconda prova si avrà con la riunione degli Assessori regionali ai trasporti, prevista nei prossimi giorni, dalla quale ci aspettiamo la revoca di tutti i Contratti di servizio, accordi e protocolli con Trenitalia con l’avvio di una preventiva ed effettiva consultazione con i Comitati dei pendolari e le Organizzazioni degli utenti e dei consumatori, per addivenire a nuovi contratti rispondenti efficacemente alla domanda e ai bisogni di mobilità. (AGE) -COM- PAN

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il