BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Cerca







Condono fiscale: rottamazione cartelle, chiusura agevolata e altre proposte

Le nuove proposte per il condono fiscale: cosa prevedono



Un condono ‘leggero’, con misure che vanno dalla rottamazione delle cartelle, alla chiusura delle liti senza il limite di 20mila euro, alla definizione delle liti pendenti e potenziali: è questa la nuova proposta presentata da Maurizio Leo (Pdl), presidente della commissione bicamerale di vigilanza sull'anagrafe tributaria, sull’ipotesi condono fiscale.

Importante ritorno nel nuovo pacchetto proposto da Leo è il ritorno sul tema delle liti pendenti, affrontato nella manovra-bis con la definizione agevolata quando il contenzioso non supera i 20mila euro.

Secondo Leo, questo limite si potrebbe togliere, “dal momento che oggi l'amministrazione finanziaria soccombe nel 50% delle controversie. Un pacchetto del genere potrebbe fruttare allo Stato una cifra oscillante tra i 6 e i 10 miliari di euro”.

Tra le altre ipotesi al vaglio, spunta anche la rottamazione delle cartelle esattoriali, con il pagamento di un forfait del 25% dell'importo iscritto a ruolo, così da permettere ai contribuenti di evitare pignoramenti e ipoteche per i debiti già scaduti e per i relativi ruoli con il pagamento di una somma pari al 25% dell'importo (capitale, interessi e sanzioni) e delle somme dovute al concessionario a titolo di rimborso delle spese.

Tra le altre soluzioni che saranno presentate figurano, inoltre, la riapertura dei termini per gli anni pregressi, che darebbe la possibilità di integrare le dichiarazioni relative ai periodi d'imposta per i quali i termini di presentazione sono scaduti, e la possibilità di rateizzazione dei pagamenti, senza interessi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il