BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Vertice Ue non decisivo per risolvere crisi secondo Germania. Crollo Borse e aumento spread bund-btp

Il summit Ue non proporrà alcuna soluzione definitiva: così dalla Germania



“Stanno emergendo di nuovo sogni che lunedì prossimo tutto sarà risolto, tutto sarà finito. Questi sogni, ancora una volta, non si realizzeranno”, così ha tuonato Steffen Seibert, il portavoce del cancelliere tedesco, Angela Merkel, facendo cadere i ‘sogni di gloria’ dell’intera Eurozona che riteneva che il vertice Ue della prossima settimana avrebbe potuto porre ogni soluzione alla crisi che il mondo intero sta affrontando e che sta affondando gran parte dei paesi europei.

“Ci sono molti passi da fare all'interno di un percorso che andrà avanti fino all'anno prossimo e molti ancora dovranno essere compiuti” ha aggiunto poi Seibert. La stessa Cancelliera tedesca Angela Merkel ha definito ‘sogni irrealistici’ le aspettative che il vertice Ue del 23 ottobre possa portare a una soluzione immediata della crisi debitoria della zona euro.

A deludere le speranze di una rapida risposta alla crisi anche le parole del ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble, che ha definito irrealistiche le aspettative in merito all'esito del summit, che non produrrà nessuna ‘soluzione definitiva’.

Le aspettative in merito al prossimo summit Ue erano cresciute dopo l'incontro bilaterale tra la Merkel e il presidente francese Nicholoas Sarkozy, lo scorso 9 ottobre, al termine del quale i due leader avevano annunciato un pacchetto anti-crisi, comprensivo di un piano per la ricapitalizzazione delle banche. Nel frattempo, però, torna a volare lo spread bund-btp che ha raggiunto di nuovo quota 372 punti. E scivolano anche le Borse.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il