BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Sequestro 245 milioni di Unicredit e indagato Profumo: indagini procura di Milano

Profumo indagato per frode fiscale



L’ex ad di Unicredit, Alessandro Profumo, è indagato dalla Procura di Milano per frode fiscale nell'ambito del caso Brontos. Il Tribunale ha sequestrato all'istituto di credito 245 milioni, quantificati come il profitto del reato che sarebbe stato commesso dalla banca tra il 2007 e il 2008 attraverso l'operazione.

Il sequestro preventivo dei 245 milioni di euro è stato disposto dal gip di Milano Luigi Varanelli su richiesta del Procuratore aggiunto Alfredo Robledo che ha calcolato la somma sequestrata in quanto ritenuta il profitto della frode fiscale, commessa attraverso l'operazione di finanza strutturata e transnazionale Brontos e che ha permesso di aggirare il fisco tra il 2007 e il 2008.

Per il 2009, ad indagine già in corso, l'istituto di credito allora guidato da Profumo aveva regolarmente versato le imposte dovute relativamente alle analoghe operazioni. Nell'inchiesta sono indagati una ventina di persone tra manager e funzionari di Unicredit e tre dipendenti della inglese Barclays.

Secondo la Procura, dagli esiti della perquisizione operata il 12 giugno 2009 nei server informatici di Unicredit dal Nucleo di Polizia tributaria della Guardia di finanza di Milano, l’operazione finanziaria che Unicredit e Barclays stavano attuando sarebbe stata finalizzata a far credere che Unicredit stesse investendo in un contratto di pronti contro termine su strumenti partecipativi di capitale, quando invece con Barclays tutto sarebbe stato in partenza concordato perché Unicredit in realtà facesse un investimento in un deposito interbancario presso Barclays.

La differenza è notevole perché, mentre Unicredit avrebbe dovuto pagare le tasse sul 100% degli interessi di un deposito interbancario, in base alla normativa fiscale italiana ha invece pagato solo il 5% sui dividendi dell’apparente operazione pronti contro termine, perché per legge essi sono appunto deducibili al 95%.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il