BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Btp legati all'inflazione: investire nella crisi conviene

Scegliere Btp legati all’inflazioni oggi conviene: la situazione



Cresce la richiesta di Btp e crescono i loro rendimenti, soprattutto quelli italiani collegati all’inflazione che scadono nel 2026 oggi rendono, per esempio,o tra il 7 e l' 8%, grazie anche al debito e alla tensione sui prezzi, arrivata al 3%.

Per quanto le previsioni per il futuro, c’è chi ritiene che nel giro di un anno il costo della vita possa tornare sotto il 2%, per effetto della frenata economica, e chi invece sostiene che le iniezioni di liquidità fatte dalle banche centrali terranno invece alta la guardia dei prezzi.

Comunque sia, mettere in portafoglio una quota di inflation linked sembra essere una buona idea per assicurare il capitale. I titoli ad alta redditività teorica e agganciati continuamente all’inflazione sono quelli del Tesoro italiano, che, confrontati con le emissioni francesi e tedesche che offrono rendimenti bassi, in alcuni casi anche negativi, proteggendo però il capitale, garantiscono di più. 

Investire ora, comunque, in questi titoli italiani conviene sia per il basso valore del prezzo di mercato dei titoli stessi e perché è molto probabile che le quotazioni delle emissioni del Tesoro italiano risalgano lentamente e gradatamente verso valori di rendimenti inferiori a quelli attuali, risultati di una situazione di eccessivo pessimismo nei confronti della tenuta dei conti pubblici italiani.

Prima di procedere nell’investimento di Btp collegati all’inflazione, è bene sapere che innanzitutto non viene recuperata l' intera inflazione d' area euro che matura tra la data di collocamento e quella di rimborso e che il prezzo di mercato è inferiore a quello della nota informativa, perché la quotazione andrà moltiplicata per il coefficiente di indicizzazione, che misura la variazione del costo della vita dalla data di emissione alla valuta in cui viene regolata l' operazione di compravendita e, quindi, varia, talvolta anche sensibilmente.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il