BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Fondi Comuni Obbligazionari meglio di un Btp

La convenienza dei fondi comuni obbligazionari: cosa offrono



Sono molti attualmente gli analisti che sostengono la convenienza dei fondi comuni obbligazionari rispetto ai Btp. Si tratta di una tipologia di fondi comuni con una probabilità di rischio particolarmente basso, a cui, però, si affianca anche un rendimento basso.

Il fondo obbligazionario è composto da un portafoglio di titoli obbligazionari scelti a discrezione del gestore del fondo e in questa tipologia di fondo comune il rischio è semplicemente legato ad una eventuale insolvenza da parte di una delle società emittenti.

I costi per accedere ai fondi comuni obbligazionari sono generalmente rappresentati dai costi di ingresso al momento della sottoscrizione e dai costi di commissioni annuali.

La loro attuale convenienze dipende soprattutto dal fatto che a partire dallo scorso luglio, i fondi comuni beneficiano, insieme ad altri prodotti finanziari domestici come le polizze vita a contenuto finanziario, di un trattamento fiscale più favorevole rispetto all’investimento diretto.

Si tratta del vantaggio finanziario derivante dal differimento dell’imposizione fino al momento della cessione o del riscatto delle quote non soltanto sulle plusvalenze, ma anche sui redditi di capitale (interessi e dividendi) incassati.

Prendendo per esempio un Btp trentennale con cedola semestrale e interesse nominale annuo lordo del 4,5% e con l’attuale aliquota di tassazione del 12,5%, l’investimento mediante fondo comune permette a un risparmiatore di abbattere l’imposta effettiva di quasi cinque punti percentuali rispetto all’investimento diretto e di aumentare il rendimento netto di 0,22 punti percentuali in termini assoluti e del 5,6% in termini relativi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il