Mutui 2011: condizioni e valore medio richieste Ottobre, Novembre, Dicembre

Le tendenze di ottobre si ripeteranno anche a novembre e dicembre.



Gli istituti di credito alzano gli spread, le banche oggi stabiliscono condizioni di mutui che saranno erogati in un arco superiore ai 30 giorni, e le criticità del comparto immobiliare crescono. E’ la tendenza di ottobre ma destinata a perdurare anche nei prossimi mesi di novembre e dicembre.

A lanciare l’allarme sulla situazione attuale è un’indagine condotta Mutui.it, da cui emerge che nel periodo compreso tra aprile e settembre 2011 il valore medio delle erogazioni di mutuo si è ridotto del 20%, arrivando anche al 24% se si fa riferimento alle richieste di mutuo per la prima casa.

L’indagine sottolinea anche che in un periodo di estrema volatilità si tendono di nuovo a privilegiare i tassi fissi, anche se sul breve termine, il variabile resta sicuramente più conveniente. In calo i variabili con cap.

Da un quadro generale di osservazione, emerge che i valori medi del mercato immobiliare restano gli stessi e sono compresi nella fascia compresa tra i 240mila e i 260mila euro, invariato anche l'importo medio richieste dalle famiglie che risulta tra i 140mila e 145mila euro di media.

Altro dato da rilevare è che le banche ora arrivano a finanziare al massimo il 44% del valore dell'immobile, escludendo gran parte del ceto medio che da parte non ha certo il valore più grande della casa che intende acquistare. Il motivo è da ricercare, secondo Alberto Genovese, amministratore delegato di Mutui.it, nella maggiore diffidenza delle banche, sempre più restie a concedere mutui se non supportate da sufficienti garanzie.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il