BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Licenziamenti facili nel piano Governo lettera Ue. E' scontro sindacati e Pd

E’ scontro sulla norma licenziamenti facili



Licenziamenti nelle aziende anche per i contratti a tempo indeterminato per motivi economici e possibilità di allontanamento di un dipendente senza particolari complicazioni a fronte di situazioni di difficoltà economica dell’impresa per la quale si lavora: questa una delle misure contenute nella lettera che il premier Silvio Berlusconi ha presentato ieri sera ai leader dell’Ue e che ha suscitato non poche polemiche in Italia.

La lettera definisce la nuova regolazione dei licenziamenti funzionale a maggiori assunzioni da parte delle imprese,e riporta che sarà più facile licenziare ma sarà anche più difficile fare contratti di collaborazione e in generale parasubordinati, oggi spesso utilizzati per lavoratori formalmente qualificati come indipendenti ma sostanzialmente impiegati in una posizione di lavoro subordinato.

Ma la norma sui licenziamenti facili ha fatto insorgere i sindacati. Secondo il numero uno della Cisl, Raffaele Bonanni, “è un’istigazione alla rivolta. Così facendo si attaccano solo i più deboli. Permettere i licenziamenti per motivi economici è solo uno specchietto per le allodole per le imprese”.

Il segretario della Ggil, Susanna Camusso, parla poi di un triplice attacco “alle norme sul lavoro, intollerabile il via libera al licenziamento tirando in ballo la lotta al precariato, ai dipendenti pubblici e alle pensioni".

Della stessa idea anche il segretario confederale della Uil Paolo Pirani. Ma secondo il presidente Berlusconi, le riforme portate in Europa non riguardano interessi di questa o quella parte, soprattutto non della maggioranza o di altre categorie ma gli interessi dell'Italia e degli italiani. Abbiamo presentato un pacchetto di proposte per la ristrutturazione di certi nostri settori e per dare impulso alla nostra economia e sono state accolte positivamente”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il