BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutui 100mila euro in 10-20 anni a tasso variabile o fisso. Offerte migliori

Le migliori proposte a 20 anni



Crescono i tassi sui mutui delle case a causa di spread sempre più alti. Le banche, infatti, hanno alzato lo spread sul tasso di riferimento usato per l’erogazione di mutui, l’Euribor o l’Euris a seconda che si tratti di mutui a tasso variabile o fisso.

L’aumento dello spread sui mutui porterà nel medio periodo una contrazione nella compravendita di case e, quindi, un nuovo peggioramento dell’economia nel suo complesso e sarà inevitabile un abbassamento dei valori immobiliari.

Il sito mutuionline.it, concentrandosi sui tassi a 20 e 30 anni, ha fatto notare come che nei prestiti fissi a 20 anni il gap di rata è di 104 euro, da 636 a 740; nel prestiti a 30 anni è di 65 euro da 537 a 602.

Per quanto riguarda i variabili a 20 anni la differenza tra il mutuo migliore e il peggiore è di 97 euro, da 554 a 651; nel trentennale è di 46 euro, da 454 a 500. Prendendo come esempio il caso tipo di un finanziamento di 100mila euro, spicca tra i fissi a 20 anni, la proposta di Gruppo Banco Popolare, con una rata di 636 euro e con un tasso al 4,56%; a seguire troviamo BHW, con una rata di 657 euro e un tasso al 4,95%, e la proposta BNL- Gruppo BNP Paribas, con una rata di 654 euro e un tasso al 4,90%.

Tra le offerte variabili, la migliore è quella di Gruppo Banco Popolare, con una rata di 554 euro e un tasso al 2,99%; c’è poi quella di ING Direct, con una rata di 585 euro e un tasso al 3,59%, e infine quella di IW Bank, anch’essa con una rata di 585 euro e un tasso al 3,60%.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il