BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Agevolazioni 36% e 55%: tagli per spese case anche anni passati

L’ombra della retroattività sui tagli alle detrazioni



Previsti tagli a partire immediatamente dal 2012 per le detrazioni fiscali del 36% (ristrutturazioni edilizie) e del 55% (riqualificazioni energetiche degli edifici), anche sulle rate residue.

Ciò nel caso in cui non siano adottati entro il 30 settembre 2012 provvedimenti di riordino in materia fiscale e assistenziale che generino risparmi per 4 miliardi di euro nel 2012 e per 20 miliardi nel 2013. Incombe, dunque, la scure della retroattività sulle detrazioni del 36% e del 55%, anche per le vecchie spese.

Le detrazioni non saranno applicate nel caso in cui entro il 30 settembre 2012 siano adottati provvedimenti di razionalizzazione in materia fiscale e assistenziale tali da assicurare effetti positivi di gettito non inferiori a 4 miliardi nel 2012 e a 20 miliardi annui a partire dal 2013.

I tagli, se scatteranno, colpiranno anche le rate di detrazione residue e in corso. In assenza di ulteriori proroghe, la detrazione fiscale del 36% scade il 31 dicembre 2012, mentre quella del 55% è in vigore fino al 31 dicembre 2011.

Nella lista delle agevolazioni che potranno subire il taglio del 5% non figura la detrazione del 20% per l'acquisto, effettuato dal 7 febbraio 2009 e al 31 dicembre 2009, di mobili, elettrodomestici ecologici, tv e pc, finalizzati all'arredo di un immobile ristrutturato con il bonus del 36%.

Per la detrazione del 55% delle spese sostenute nel 2008, era possibile ripartire il bonus da tre a dieci anni, a scelta irrevocabile del contribuente. Una riduzione del 5% per il 2012 e del 20% dal 2013 delle rare residue di detrazione comporterebbe una disparità di trattamento tra chi ha scelto la ripartizione in tre anni (terminata con la dichiarazione dei redditi relativa al 2010) e chi ha scelto di spalmare il bonus in cinque o più rate.

Sarà, invece, difficile evitare i tagli per le spese del 36%, sostenute dal primo gennaio al 30 settembre 2012, in quanto anche se la decisione di effettuare effettivamente i tagli sarà presa solo dopo il 30 settembre 2012, oggi si parla già di possibile riduzione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il