BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Gmail: novità versione aggiornata

Gmail si rinnova: cosa cambia



Gmail si rinnova, apportanto alcune novità, a partire dalla nuova interfaccia che lascia però all’utente la decisione di usarla o meno. L’interfaccia rinnovata, infatti, non viene attivata automaticamente: è l’utente, una volta loggatosi al servizio, che può decidere se adottarla cliccando sul piccolo pulsante che appare in basso a destra.

La nuova interfaccia si presenta con un design più lineare, con nuovi temi e nuove opzioni di personalizzazione. Una volta scelta e installata, la nuova interfaccia Gmail si adatta automaticamente alle dimensioni della finestra in cui appare: ogni volta che l’utente le modifica, il contenuto di Gmail diventerà più o meno denso.

Novità anche per le conversazioni, che ora evidenziano il contenuto e aggiungono l’immagine del profilo in modo da sapere più velocemente con chi stiamo parlando. A proposito delle immagini del profilo, grazie all’integrazione di nuove applicazioni relative all’editing di foto, è ora possibile caricare e modificare immagini in modo molto più semplice.

Per quanto riguarda le conversazioni, si può, inoltre, il numero di messaggi da far comparire sullo schermo e impostare il livello di compattezza scegliendo tra Normale, Media e Alta, inoltre, la finestra della Chat può essere ridimensionata in base alle proprie preferenze.

Le altre novità riguardano un nuovo modo per passare da Posta, Contatti e Attività, più semplice e veloce, e una nuova barra degli strumenti che mostra solo i pulsanti che servono quando ne abbiamo bisogno.

La novità che, però, sembra piacere di più è quella della funzione ricerca, semplificata. Nella nuova versione, cliccando sulla freccia nera del box dedicato, si apre una finestra che permette di impostare meglio i parametri di ricerca desiderati. Attraverso la nuova funzione di ricerca è, inoltre, possibile creare un nuovo filtro in base dei criteri di ricerca impostati.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il