BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Dimissioni Berlusconi: telefonata tra Bechis e politico anonimo. Era Corsetto

Diffuso l’audio della telefonata con Crosetto



Dopo la smentita della notizia delle dimissioni da parte dello stesso premier, è stato svelato il mistero di chi avrebbe comunicato al vicedirettore Bechis di Libero che il presidente del Consiglio si sarebbe dimesso.

Si tratta di Guido Corsetto esponente del Pdl, e, sebbene infondata, la notizia ha tenuto banco per tutta la giornata e a scatenare la curiosità del web è stato l’audio della telefonata in cui si ascoltava ‘Quella testa di cazzo (riferito a Berlusconi) è andato a Milano, ma entro domani si dimette’.

Corsetto replica: “La mia privacy è stata violata. Era un discorso con un vicedirettore, giornalista che conosco da undici anni. L'epiteto iniziale è semplicemente un modo magari colorito di parlare tra persone in confidenza da anni, di un terzo amico di cui non condividi in quel momento una decisione e cioè quella di andarsene da Roma.

A caldo pensavo fosse più semplice liquidare tutto negando, esclusivamente per non ferire una persona alla quale sono affezionato ed a cui voglio bene, con un termine che mi capita di usare con molti amici, non contestualizzando in un dialogo in libertà. Riflettendo con calma preferisco la verità. Non è mia abitudine mentire e, non voglio iniziare a farlo”.

Il video, appena pubblicato su YouTube, ha fatto il giro del web ed è stata la dimostrazione che Bechis voleva provare quanto dalla mattina stava raccontando su Twitter e Facebook riguardo le dimissioni del presidente Berlusconi e che si sono rivelati canali ottimali di comunicazione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il