BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Voto rendiconto oggi e poi Berlusconi decide su dimissioni

Prima il voto sul rendiconto e poi le dimissioni? Il governo italiano terrà?



Il premier Silvio Berlusconi annuncia che deciderà sulle sue dimissioni dopo il voto sul rendiconto. Tuttavia, nel Pdl continua a prevalere la necessità di un passo indietro del premier mentre lui ha fatto sapere che attenderà 24 ore per valutare la tenuta della maggioranza e in caso di numeri esigui punterebbe sulle elezioni anticipate, anche se si è discussa la possibilità di un governo diverso.

La giornata di ieri è stato un ballo di notizie sulle possibili dimissioni del premier, dal vicedirettore di Libero Bechis che su Twitter e Facebook continuava ad affermare che si trattava solo di ore, a Giuliano Ferrara che sull'edizione online de il Foglio scriveva ‘Che Berlusconi stia per cedere il passo ormai è una cosa acclarata. Si tratta di ore, qualcuno dice perfino di minuti. Il punto vero è per che cosa dimettersi (...) qualunque soluzione mascherata di emergenza che non siano le elezioni subito è inutile’.

Alla fine a parlare è stato proprio Belusconi che, in una telefonata proprio a Libero, ha detto ‘…porrò la fiducia sulla lettera presentata a Ue e Bce. Voglio vedere in faccia chi prova a tradirmi. Non capisco come siano circolate le voci delle mie dimissioni, sono destituite di ogni fondamento”.

Nel mirino della telefonata Berlusconi il ministro Tremonti: “La prima riforma costituzionale necessaria è quella che dia al premier gli stessi poteri dei suoi colleghi europei, a cominciare dalla possibilità di imporre una linea al ministro dell'Economia, altrimenti non è un premier”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il