BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Dimissioni Berlusconi dopo voto maxiemandamento legge stabilità. Quando? Date possibili

Quando arriveranno le dimissioni del premier?



E’ la questione italiana che tiene banco da diversi giorni ormai, tra chi le auspica e chi ritiene sia invece meglio aspettare: oggetto sono le dimissioni del premier Berlusconi che alcuni avevano anticipato sarebbero arrivate ieri dopo il voto sul rendiconto. Ma ancora nulla.

Così c’è chi ipotizza che le dimissioni del presidente del Consiglio arriveranno per il 18 novembre, ma il Pd teme che il premier la tiri per le lunghe per cercare il voto anticipato e saltare un governo di transizione. C’è anche chi sostiene che l’attesa del premier dipenda dall’esito del ricorso presentato da Fininvest alla Cassazione contro la sentenza della Corte di Appello di Milano che ha condannato la Mondadori (della famiglia Berlusconi) a risarcire con 564 milioni Cir, proprio sulla vicenda Lodo Mondadori.

Il problema restano i mercati. Dal Pd spiegano “E' chiaro che Berlusconi cercherà di tirarla per le lunghe, con la speranza, in questo modo di tagliare i ponti a un governo di transizione. Oppure di precostituire le condizioni per un reincarico a suo vantaggio. Noi lo incalzeremo, perché si passi subito dagli annunci alle vie di fatto con il via libera al ddl stabilità, che sarà a totale carico della maggioranza”.

Sulla stessa linea l'Udc: secondo Casini “La legge di stabilità può essere approvata rapidamente e sono convinto che il presidente Berlusconi abbia la consapevolezza che la situazione economica e finanziaria dell'Italia non ci consente una lunga ed estenuante campagna elettorale”.

Per il leader dell'Idv Antonio Di Pietro: “L'epilogo annunciato da Berlusconi, dopo il colloquio con Napolitano, preoccupa e non poco. Egli sostiene che prima di dimettersi vuole farsi approvare la legge di stabilità, contenente quelle misure da macelleria sociale che abbiamo sempre contestato, e lo vuol fare in pratica da dimissionario, quindi con le mani libere”. 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il