Liberalizzazione ordini professionali,privatizzazioni,vendita immobili e terreni in maxiemendamento

Dovrebbe avere l’ok definitivo entro sabato: le misure del maxi emendamento



Il via libera del Senato al maxi emendamento al ddl Stabilità dovrebbe arrivare domani, venerdì 11 novembre, per poi passare alla Camera per il ok definitivo sabato o al massimo domenica, come stabilito dalla conferenza dei capigruppo di Montecitorio.

Tra le misure previste, insieme all’aumento dell’età pensionabile a 67 dal 2026, punto molto dibattuto in queste ultime settimane, e all’aumento delle accise carburanti, previste privatizzazioni, liberalizzazione degli ordini professionali e dismissione degli immobili pubblici attraverso il conferimento degli stessi a uno o più fondi comuni di investimento immobiliari e a una o più società, le cui quote o azioni saranno poi oggetto di offerta pubblica di vendita e il ministero dell'Economia potrà accettare come corrispettivo anche titoli di Stato.

La misura stabilisce che i proventi netti derivanti dalle cessioni delle quote o delle azioni dei fondi o delle società saranno destinati alla riduzione del debito pubblico. Nel caso di operazioni che riguardino immobili liberi, i proventi della cessione, previo versamento all'entrata del bilancio dello Stato, saranno destinati al Fondo per l'ammortamento dei titoli di Stato.

Un primo decreto per l'individuazione degli immobili sarà emanato entro il 30 aprile 2012 e prevederà anche una quota non inferiore al 20% delle carceri inutilizzate e delle caserme assegnate in uso alle forze armate. Per quanto riguarda la vendita dei terreni, entro tre mesi il ministero delle Politiche agricole individuerà i terreni agricoli dello Stato e non utilizzabili per altre finalità da vendere.

Sarà poi l'Agenzia del Demanio a occuparsene e lo farà in modo differente a seconda del valore dell’immobili: per quelli di importi inferiori a 400 mila euro è prevista una trattativa privata, mentre per quelli di valore superiore o pari a 400 mila euro sono previste aste pubbliche.

Per quanto riguarda, poi, le liberalizzazioni degli ordini professionali, entro 12 mesi dall'entrata in vigore della legge di stabilità, gli ordini professionali dovranno essere riformati: saranno abolite le tariffe e si potranno costituire società per l'esercizio di attività professionali.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il