BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Licenziamenti facili e articolo 18: novità dopo approvazione maxiemendamento legge stabilità

Nessuna modifica agli articoli 8 e 18



Via libera dalla commissione Bilancio del Senato al ddl stabilità, approvate sia le proposte di modifica contenute nel maxiemendamento presentato dal governo. Gli emendamenti presentati dal Governo non prevedono modifiche agli articoli 8 e 18 dello Statuto dei lavoratori.

L'Esecutivo vuole affrontare questi temi con un confronto preventivo con le parti sociali, prima di procedere all'elaborazione di interventi di riforma. A precisare questa presa di posizione è stato il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, mentre ieri il senatore dell'Idv, Elio Lannutti, al contrario, aveva riferito che il ministro aveva annunciato che nel maxiemendamento del governi erano previste modifiche all'articolo 18 e 8 dello Statuto dei lavoratori, in materia di licenziamenti.

Dopo la diffusione della notizia, il ministro Tremonti ha ribadito che negli emendamenti proposti dal governo non sono contenute modifiche agli articoli 8 e 18 dello Statuto dei lavoratori. Sui licenziamenti facili, il presidente di Unindustria, Aurelio Regina ha detto: “Noi non auspichiamo licenziamenti facili e in Italia oggi nessuno opera licenziamenti senza giusta causa. Dal punto di vista concreto eèun tema che non esiste, non conosco qualcuno che l'abbia fatto”.

Tra le altre misure previste, in pensione a 67 anni dal 2026, avvio del piano di dismissioni del patrimonio immobiliare pubblico, della mobilità per i dipendenti pubblici, di piani a sostegno dell'occupazione femminile e giovanile, e della defiscalizzazione a favore delle società che realizzano opere pubbliche.

Prevista, inoltre, una deroga, nel 2012, al patto di stabilità interno per la Provincia e il comune di Milano, per cui le spese per investimenti per opere essenziali legate all'Expo 2015 non saranno conteggiate ai fini dell'indebitamento. Previsti anche per i policlinici universitari gestiti direttamente da Università non statali 70 milioni di euro per il 2012.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il