BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Internet Governance Forum Italia 2011: temi e novità

Gli argomenti in discussione a Trento



Si chiude oggi a Trento l’edizione 2011 dell’Internet Governance Forum Italia 2011, quarto appuntamento con questo evento che negli anni passati aveva toccato le città di Cagliari, Pisa e Roma.

Il Forum è stato organizzato dalla Provincia autonoma di Trento in collaborazione con la Fondazione Ahref, l’Istituto di Informatica e Telematica del Cnr di Pisa, il Centro Nexa su Internet e Società del Politecnico di Torino e Internet Society-Isoc Italia. Temi di quest’anno, gli sviluppi della governance della rete Internet, la sicurezza della rete, l’applicazione di regole condivise per l’evoluzione del network.

Al centro degli approfondimenti dell’evento, dunque, argomenti prettamente tecnici, ma anche economici, sociali e politici. Si parlerà, infatti, oltre che di tecnologia e ricerca sull’Internet del futuro, anche di società e cultura, economia e condivisione e diritti e doveri della rete. Fra gli incontri in calendario, uno dedicato all'ultimo anno in termini di risultati raggiunti e azioni intraprese in ambito digitale.

Il punto di partenza dell'analisi è quello dell' Agenda Digitale, iniziativa risalente a fine gennaio scorso e destinata a incoraggiare una presa di posizione del Governo. A firmare l'appello erano stati altisonanti nomi del settore, dai vertici Telecom e Vodafone passando per quelli di Microsoft, che a Trento sono stati interrogati alcuni dei promotori dell'iniziativa sul procedere della stessa.

“Mi auguro che i tre giorni di incontri qui all'Internet Governance Forum (IGF) a Trento possano risvegliare una certa cultura politica nazionale finora sorda all'importanze dell'ICT (Information and Communication Technology) e che quando ha cercato di occuparsene l’ha fatto in modo sbagliato come con il recente decreto che ha posto norme censorie su siti e blog, portando al blocco di Wikipedia, creando imbarazzo per il Paese in tutto il mondo'”, ha Stefano Rodotà.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il