BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Patrimoniale su case, conti correnti, auto o investimenti: funzionamento tassa Monti

Ipotesi patrimoniale: a chi e come sarà applicata



La patrimoniale si farà ma andrà a colpire redditi al di sopra di un milione di euro. Diverse le ipotesi al vaglio: si parla di un prelievo permanente dell'1,5 per mille con una soglia di esenzione a 1-1,5 milioni di euro per un gettito di 6 miliardi l'anno, come vuole Confindustria, altra ipotesi potrebbe è quella di un prelievo una tantum del 2%, dal 2012 al 2014, l’aliquota prevista sarebbe del 2%, cosa che però non piace al rettore della Bocconi, Guido Tabellini, che ha invece avanzato la proposta del 5 per mille sui patrimoni oltre la soglia di 1 milione di euro.

L’idea di Tabellini è quella di una patrimoniale non troppo pesante (5 per mille), ma strutturale, che colpisca tutte le ricchezze degli italiani più benestanti. La proposta aveva già trovato molti sostenitori, ma il problema è che la misura non permetterebbero di incassare subito somme in grado di rimettere in sesto i conti e ridurre il debito.

L’intervento una tantum, invece, potrebbe essere accompagnato dall’introduzione di un contributo ordinario e soggettivo sul patrimonio, con cadenza annuale e complementare al reddito, con un’aliquota dell’1 per mille sulle ricchezze superiori al milione di euro. Soggetti al pagamento sarebbero sia le persone giuridiche (società di capitali, banche, fondazioni, cooperative, associazioni) sia quelle fisiche.

La tassazione sarà calcolata su tutte le proprietà, da auto con potenza superiore a 225 KW ad aerei, navi, barche a vela e yacht sopra i 10 metri, conti correnti, depositi bancari e postali, fondi di investimento, azioni, obbligazioni e quote di partecipazioni in società, immobili. Escluse della tassazione la prima casa e i titoli di Stato.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il