BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Multe autovelox valide senza foto: nuove regole

Multe valide anche se priva dello scatto che certifica l'infrazione: il caso



Le multe prese con l’autovelox d’ora in poi saranno valide anche senza foto. Se pruima la multa senza una chiara documentazione fotografica di accompagnamento poteva essere contestata, d’ora in poi non sarà più così.

A stabilirlo la Cassazione, con la sentenza numero 23212 dell’8 novembre 2011, che sostiene che la multa con autovelox, telelaser e altri dispositivi elettronici è legittima anche se non viene rilasciata la documentazione fotografica dell’avvenuta rivelazione nei confronti di un determinato veicolo in quanto la contestazione è affidata all’organo di polizia preposto.

Ciò significa che nessuno sarà più obbligato a dimostrare che si trattasse effettivamente di quel dato veicolo o guidatore. Tutto nasce da un ricorso del Comune di Massa: l’amministrazione locale aveva impugnato la sentenza del tribunale di Massa che dava ragione al giudice di Pace in rappresentanza di un automobilista che aveva fatto ricorso ad una violazione del codice della strada per eccesso di velocità.

Il giudice di Pace riteneva non provato l’accertamento della violazione per la mancata consegna dello scontrino con la stampa dei dati relativi alla velocità e alla targa del veicolo e osservava che in questo caso l’attestazione dell’agente, in quanto relativa ad un corpo o ad un oggetto in movimento, non poteva ritenersi assistita da fede pubblica.

Alla sentenza del giudice di Pace, confermata dal tribunale, è seguito però l’immediato ricorso del Comune, che si è rivolto in Cassazione, che ne ha ribaltato la sentenza.

Le multe prese con l'autovelox saranno dunque valide, anche se non c'è la foto. Basta che ci sia un poliziotto che possa immediatamente registrate i dati riportati dallo strumento e trasferirli su un verbale di multe.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il