BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Riforma professioni e liberalizzazioni secondo riforma Governo Monti

Il riordino delle professioni una delle priorità di Monti



“Rilanciare la crescita con attenzione all’equità sociale” questo è quanto aveva detto il neo presidente del Consiglio Mario Monti qualche giorno e fa e a distanza di pochi giorni, ieri in Senato, presentando le linee guida del suo nuovo programma ha rilanciato: rigore, equità e crescita sono state le parole chiave del suo. Discorso.

Per garantire il pareggio di bilancio nel 2013 come promesso all’Unione europea, il nuovo programma si baserà su nuove tasse e tagli, a partire dalla reintroduzione dell’Ici sulla prima casa, misure più forti contro l’evasione fiscale con particolare attenzione al nuovo redditometro e alla tracciabilità dei pagamenti, sulla riforma fiscale, la riduzione degli stipendi pubblici e i tagli ai costi della politica.

Ma particolare importanza rivestono nella nuova manovra di Monti le liberalizzazioni, a partire da quella degli ordini professionali, per arrivare a quelle d servizi pubblici locali, orari dei servizi commerciali, e alla privatizzazione delle società municipalizzare.

Saranno, inoltre, rafforzati i poteri dell'Antitrust, completata la deregulation dei servizi pubblici locali e ridotti i tempi della giustizia civile. Ma una delle priorità del presidente del Consiglio è il riordino delle professioni e a tal proposito ha detto: “Il governo procederà al riordino della disciplina delle professioni regolamentate anche dando attuazione a quanto previsto dalla legge di stabilità in materia di tariffe minime.

La legge di Stabilità appena approvata ha formalmente eliminato ogni riferimento all'uso dei tariffari come parametri di riferimento per la pattuizione del compenso tra professionista e cliente”.

Ciò significa che la determinazione della parcella dovrà essere svincolata da qualunque tariffario minimo, che resterà valido come riferimento, ad esempio, nei rapporti con la pubblica amministrazione e in caso di contenzioso tra le parti sui pagamenti delle parcelle.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il