Bot e Btp migliori su cui investire per 3-7 anni durante crisi spread btp-bund

Investire in Bot e Btp: conviene?



Decidere di investire oggi in Bot e Btp potrebbe sembrare una scelta azzardata considerando l’andamento altalenante del mercato e il continuo volare dello spread tra Btp italiani e bund tedeschi. Certo è che Bot e Btp non viaggiavano sopra il 6% dal 1997.

Oggi, investire a un anno, con i Bot, o a trent’anni con i Btp più lunghi non offre sostanziali differenze di premio. I titoli con scadenza intermedia, tre, cinque, sette anni, non sono al momento la scelta migliore, per la durata, in questa fase di mercato.

Analizzando le quotazioni si nota che quasi tutte le emissioni che verranno rimborsate fra il 2014 e il 2019 sono prezzate a valori vicini o inferiori a 90 anche se non hanno registrato i veri e propri tracolli dei Btp a dieci e a trent’anni. Ciò significa che il rischio di perdita di valore capitale, sui titoli con durata intermedia, è elevato, ma lo è ancora di più per chi investe sulle scadenze più brevi.

Ciò accade, fra l’altro, perché il differenziale di rendimento rispetto al Bund tedesco di pari durata, è arrivato più volte a superare i 500 punti, che corrispondono a un incredibile 5% in più rispetto alle cedole pagate dai cugini tedeschi per i Bund i pari durata.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il