BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Migliori obbligazioni aziende corporate bond 2011 durante crisi economica spread btp-bund

Corporate bond di aziende risanate: meglio puntare su questi prodotti



Chi vuole investire senza rischiare farebbe bene a rintanarsi nei bund tedeschi ma chi ama diversificare potrebbe pensare ai corporate bond, soprattutto di quelli delle aziende risanate, perché la crisi del mercato ha spinto al rialzo questi prodotti.

Evitando di rivolgersi al settore finanziario-assicurativo, in questo momento da escludere, infatti, la maggior parte delle aziende riesce ad offrire un rendimento, misurato in termini di spread rispetto a quello garantito dai titoli di Stato, davvero notevoli. Meglio preferire le società senza debiti, quelle con una buona capitalizzazione, o quelle valutate almeno tripla A dalle agenzie di rating.

Bene ovviamente i Paesi emergenti, soprattutto l’Asia, come spiega Giovanni Papini, amministratore delegato di Ubs Global Asset Management sgr, “un’area caratterizzata da una finanza pubblica sana e robusta, da società con qualità creditizia pari o superiore a quella dei Paesi occidentali, da rendimenti mantenuti interessanti dal livello di crescita dell’economia”.

E c’è anche chi spinge sulle obbligazioni governative italiane, come Dan James, head of global markets alpha portfolio di Aviva Investors, secondo cui “se il quadro si stabilizzasse ci potrebbero essere opportunità di trading già nel breve termine”.

Astolfi, indica i solidi Bund tedeschi e i Gilt britannici, ma senza dimenticare le obbligazioni corporate europee, considerando che molte aziende del Vecchio Continente sono in ottima salute perché hanno rafforzato i propri bilanci e hanno una buona capitalizzazione. Escluse da esse, però, quelle del settore finanziario. Meglio puntare sui settori produttivi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il