BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Google chiude servizi, rinnovabili e rilancia con Google+

Google: stop a servizi e progetti rinnovabili. Punta su Google+



La crisi colpisce anche il colosso di Goole: a testimoniare la sofferenza, seppur incredibile, economica di BigG, l’annuncio di una serie di novità che certo non lasciano ben prevedere.

Tramite il suo blog ufficiale, Google ha innanzitutto comunicato di voler abbandonare il progetto per rendere più economica la produzione di energia dalle fonti rinnovabili.Il programma era stato lanciato nel 2007 per favorire la produzione di energia pulita e rinnovabile, e aveva aperto la strada ad una nuova politica energetica delle grandi aziende.

Ma a distanza di qualche anno, BigG annuncia diversi tagli. Il nuovo Larry Page ha deciso di tagliare ben sette progetti di Google, tra cui anche il ‘Renewable Energy Cheaper than Coal’.

La società americana, che ha finora investito nel settore 850 milioni di dollari, ha ritenuto in questo momento inopportuno proseguire con la spesa, anche e soprattutto davanti alla crisi economica globale e alla sempre più forte concorrenza sul mercato IT, cioè quello che è e rimarrà il core business del gruppo.

Google elimina anche alcuni dei suoi servizi che hanno avuto poco successo di mercato, tra cui Google Wave, lanciato nell'ottobre del 2009; l’applicazione Google Gears, che consente di utilizzare off-line alcuni dei servizi, come le mail e il calendario; e l’applicazione Friend Connect, che permette agli utenti di connettersi con i propri amici accedendo da social network e piattaforme diverse.

Chiude, inoltre, il 19 dicembre Google Bookmarks, la funzionalità sviluppata per consentire la condivisione dei bookmark tra gruppi di amici. Stop anche a Knol, un progetto in stile Wikipedia lanciato nel 2007 e indirizzato agli sviluppatori di contenuti per il Web. Ma BigG punterù tutto su Google+, tanto che secondo il sito Huffington Post, è probabile che la società continuerà a eliminare applicazioni online per spingere gli utenti verso il nuovo social network.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il