BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ici: chi deve pagare e chi no secondo manovra Monti

Come funzionerà il pagamento della nuova Ici



L’Ici sulla prima casa sarà graduata in base al reddito o al patrimonio accumulato dal contribuente, in linea con quel principio di equità professato dal nuovo presidente del Consiglio Mario Monti sin dal suo insediamento.

L’Ici è un’imposta di impianto federalista, significa cioè che ogni Comune ha facoltà di deliberare l’aliquota da applicare in una forchetta che va da 2 al 9 per mille e gli sconti legati al tipo di immobile o al reddito del contribuente. Il sistema della graduazione dipende da fatto che non tutti i proprietari di un immobile classificabile come ‘prima casa’ dispongono dello stesso reddito o hanno accumulato la stessa ricchezza, per questo l’imposta dovrebbe seguire il criterio della progressività.

Più case si hanno, più in proporzione si dovrebbe pagare, come quanto già avviene con i redditi, o si potrebbero sommare i valori immobiliari complessivi detenuti da un contribuente o considerando il numero di immobili posseduti, prevedendo prelievi proporzionalmente crescenti.

Il prelievo fiscale potrebbe essere collegato all’Irpef del contribuente, eliminando l’esenzione totale introdotta dal Governo Berlusconi per far posto a un meccanismo di detrazioni per favorire i redditi più bassi. Altra ipotesi potrebbe essere quella di introduzione delle aliquote Ici differenziate in base al valore catastale dell’immobile.

La misura dovrebbe però essere accompagnata dalla rivalutazione delle rendite catastali, cioè del valore in base al quale viene calcolato il prelievo fiscale sugli immobili e che, come emerge dalle rilevazioni effettuate, risulta essere nettamente inferiore al valore di mercato.

L'Ici sull’abitazione principale costerà ds 136 euro (Ici) a 340,15 euro (Imu e Res) medi a famiglia che porterà nelle casse dell'Erario un gettito fino a 9,7 miliardi di euro: queste sono le stime che emergono da un'elaborazione della Uil Servizio Politiche Territoriali, sugli effetti dell'introduzione della nuova tassa sulla casa (Imu) e sui servizi (ReS), o sull'impatto della semplice reintroduzione della sola Ici sulla prima casa nelle 104 città capoluogo di Provincia.  

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il