BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pec posta elettronica certificata: data scadenza posticipata di un mese. No fine Novembre

Prorogata l’entrata in vigore obbligatoria della Pec. I motivi



Rinviata l’entrata in vigore della posta elettronica certificata che slitta a fine dicembre e il ministero dello Sviluppo economico invita le Camere di commercio a non applicare la sanzione da 103 a 1.032 euro prevista per le società che non comunicano il proprio indirizzo di posta elettronica certificata (Pec) al Registro imprese entro la scadenza di domani, martedì 29 novembre.

La nuova circolare spiega che la proroga di uso obbligatorio della Pec è stata dovuta alle numerose segnalazioni pervenute da parte dei gestori del sistema di posta elettronica certificata, sull’impossibilità di fare fronte all'enorme mole di richieste di nuovi indirizzi di Pec, concentratasi nell'imminenza del termine, in tempi compatibili con il rispetto del termine stesso.

Nonostante la scadenza per la comunicazione dell'indirizzo Pec al Registro imprese sia stata fissata nel 2008, tutte le società si sono attivate negli ultimi giorni disponibili, dunque, la circolare rappresenta l’opportunità, per evitare contenzioso, di astenersi dall'applicare le sanzioni previste dal Codice civile ‘alle società o ai soggetti che non abbiano provveduto a comunicare al Registro delle imprese l'indirizzo di posta elettronica certificata entro il 29 novembre 2011’.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il