BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Recessione Italia nel 2012: ecco le previsioni dell'OCSE per il nostro Paese

Italia in recessione: gli ultimi dati Osce



Italia in recessione nel 2012, insieme a Grecia, Portogallo e Ungheria. Meglio di noi, anche di poco, Francia e Spagna, mentre il Regno Unito crescerà dello 0,5%: questo il quadro sull'economia europea che emerge dall'Outlook dell'Ocse, che stima nel 2012 un calo del 3% per la Grecia (dopo il -6,1% di quest'anno), del 3,2% del Portogallo (-1,6% nel 2011) e dello 0,6% dell'Ungheria (+1,5% nel 2011).

Nel 2013, l’Italia sarà il Paese che crescerà meno, +0,5% ancora come Grecia e Portogallo. Il Pil italiano quest'anno crescerà dello 0,7%, ma l'anno prossimo l'andamento dell'economia sarà negativo (-0,5%), secondo le previsioni dell’Ocse, che taglia così le precedenti stime (+1,1% nel 2011 e +1,6% nel 2012).

La crescita, secondo l'Outlook dell'organizzazione, tornerà nel 2013 con un Pil in aumento dello 0,5%. Secondo l’Ocse, a trascinare il pil al ribasso nel 2011 e alla recessione del 2012 saranno in particolare gli investimenti nelle costruzioni, che segneranno un arretramento dell'1,6% quest'anno e dell'1,7% il prossimo.

In generale, comunque, gli investimenti registreranno una crescita dello 0,7% quest'anno, un calo dello 0,9% nel 2012 e torneranno ad aumentare dello 0,3% nel 2013, mentre i consumi privati cresceranno quest'anno dello 0,9% e poi resteranno piatti (+0,2% sia nel 2012 che nel 2013).

Positivi, invece, i dati su esportazioni e importazioni: l'export segnerà nei tre anni aumenti rispettivamente del 4,9%, dell'1,7% e del 4,2%. L'import, invece, del 3,4%, dell'1,5% e del 2,2%. Per quanto riguarda la disoccupazione, in Italia, sempre secondo l’Ocse, crescerà sia nel 2012 che nel 2013: quest’anno registrerà un calo all'8,1% (dall'8,4% del 2010), nel 2012, salirà all'8,3% e nel 2013 all'8,6%.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il