BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Iva 11% non solo aumento al 23% per recuperare fondi in manovra

Sale ancora l’Iva: l’effetto sulle famiglie italiane



Aumento dell’Iva non solo per l’aliquota del 21% che passerebbe al e23 ma anche per quella del 10% che sale così all’11%. L'incremento dell’imposta che potrebbe portare a un rincaro dei prezzi al dettaglio, con conseguente contrazione dei consumi.

Secondo il Codacons, un terzo delle famiglie italiane sarebbe già impossibilitato a sostenere spese extra per oltre 800 euro o programmare spese per il tempo libero e un aumento dell’Iva dal 21% al 23% produrrebbe già un incremento degli oneri per famiglia pari a 352 euro per anno per la famiglia media Istat e di 418 euro per una famiglia di 3 persone.

Ciò significa che il provvedimento del governo Monti si tradurrebbe in un vero colpo di grazia per le famiglie italiane. E, considerando l’effetto di arrotondamento al rialzo dei prezzi, la situazione potrebbe diventare ancor più pesante di quanto le stime dicano.

L’aumento dell’Iva, insieme alle altre misure prime misure anticrisi del governo Monti, potrebbe divenire realtà già la prossima settimana. Il primo pacchetto di riforme sarà all’ordine del giorno del Consiglio dei Ministri del prossimo lunedì 5 dicembre.

La manovra potrebbe essere divisa in due tranche: la prima contiene le misure in grado di garantire la stabilità dei conti e rilanciare la crescita; la seconda prevede le riforme previdenziali e fiscali e quelle nel settore del lavoro.

Subito in discussione, dunque, la reintroduzione dell’Ici sulla prima casa, l’aumento dell’Iva e i limiti alla circolazione del denaro contante per il contrasto all’evasione e sull’aumento dell’Iva due le ipotesi allo studio dell’esecutivo: la prima prevede l’aumento dell’aliquota ordinaria e di quella agevolata. La seconda, che è anche la meno probabile perché implicherebbe entrate inferiori, vorrebbe l’aumento della sola aliquota ordinaria.
 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il