Mutui a tassi interessi più bassi nel 2012 con taglio tassi swap ieri

Nuova azione coordinata delle banche centrali: quali saranno gli effetti?



La crisi non si placa e se non riusciamo ad uscirne tutti cadranno. Per evitare che questa caduta diventi inevitabile, tutti, fra governi europei e istituti bancari, si stanno movendo.

L’ultima azione di salvataggio è arrivata proprio ieri da parte delle banche centrali dei paesi sviluppati che hanno promosso un'azione coordinata per supportare il settore finanziario globale contro crisi del debito.

Federal Reserve, Bce, Banca del Canada, Banca di Inghilterra, Banca del Giappone e Banca Svizzera hanno raggiunto un accordo per abbassare di 50 punti base il prezzo degli attuali swap sulla liquidità in dollari Usa. Le nuove condizioni entreranno in vigore dal prossimo 5 dicembre fino al 1 febbraio 2013.

Motivo dell’azione coordinata delle Banche centrali è fornire liquidità al sistema finanziario mondiale per ‘evitare un credit crunch (la stretta creditizia)’, come ha spiegato la Fed, che ha, inoltre, sottolineato che “l'obiettivo di queste operazioni è di allentare le tensioni sui mercati finanziari e quindi mitigare gli effetti di queste tensioni sulla capacità da parte delle banche di erogare credito a famiglie e imprese per aiutare la ripresa economica”.

Con questa operazione di abbassamento degli attuali swap, sarà più economico per le banche europee, a corto di liquidità, trovare finanziamenti in dollari direttamente presso la Bce.

Dunque, il taglio dei tassi swap è stato necessario per allentare le tensioni sui mercati finanziari e fornire ulteriore capacità alle banche di erogare credito a famiglie e imprese per aiutare la ripresa economica. Ma i primi effetti di questa operazione si potranno notare solo nei prossimi mesi, tra febbraio e marzo probabilmente, se, ovviamente, le crisi sui mercati si saranno almeno un po’ attenuate.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il