BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Manovra finanziaria Monti:pensioni, ici, iva, patrimoniale più sicure di misure contro evasione

Tasse dirette per riempire prima le casse dello Stato: le prime misure Monti



“Il governo intende introdurre già nei provvedimenti di lunedì riforme strutturali per raggiungere l'obiettivo della riduzione del disavanzo pubblico. Le ulteriori misure strutturali del governo saranno disegnate in modo da avere effetti di riduzione del disavanzo già nel breve termine”: così il premier Monti ha annunciato la necessità imminente di agire subito ‘o ci saranno gravi conseguenze’ e per questo punta a misure che dovrebbero assicurare entrate immediate nelle casse dello Stato e che sono pertanto più urgenti delle dibattute misure più rigide contro l’evasione fiscale.

Nonostante, infatti, siano state inasprite e introdotte delle nuove, come la tracciabilità dei contanti e controlli capillari di spese attraverso il redditometro, Monti ha deciso di puntare innanzitutto su tasse dirette e quindi certe che colpiscono cose sicure per avere un gettito immediato, come l’aumento dell’iva, il blocco adeguamento elle pensioni, la reintroduzione dell’ici, che portano incassi sicuri.

Il pacchetto che lunedì 5 dicembre approderà in Cdm, prevede, dunque, il ritorno sicuro dell'ici della prima casa, che sarà progressiva e porterà con sè una revisione delle rendite catastali; il blocco totale del recupero dell'inflazione per le pensioni per il 2012; l’aumento dell’età per le pensioni di anzianità anche oltre i 40 anni, un anticipo delle misure previste per portare l'età delle donne a 65 anni (ora prevista al 2026 che invece sarebbe a regime nel 2020) e potrebbe aumentare anche la soglia minima dei 40 anni di contributi necessari ora per la pensione indipendentemente dall'età anagrafica a 41-43 anni. In discussione ci sarà anche l’aumento dell’aliquota iva non solo del 21%, che potrebbe arrivare al 23, ma anche per le aliquote più basse, prima mai toccate.

 
Autore:

Marianna Quatraro

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il