BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Manovra finanziaria Monti: tasse ma anche sviluppo

Un nuovo pacchetto sviluppo per il rilancio economico d’Italia: cosa prevede



La nuova Manovra, approvata ieri in Cdm e che il premier Monti ha definito ‘salva Italia’, è ricca di novità che richiederanno grandi sacrifici agli italiani ma contiene anche un pacchetto sviluppo basato su ‘rigore, equità e crescita’.

Il ministro dello Sviluppo, Corrado Passera, ha sostenuto con forza che la creazione di occupazione è la priorità numero uno del governo “Attraverso, come ha spiegato, una serie di interventi congiunturali ma che mirano anche a creare strutturalmente forza e sono molto coerenti con l'Europa e l'idea che abbiamo del futuro del nostro Paese e dell'intera Europa”.

Tre le linee su sui si svilupperanno le nuove misure del governo: competitività delle imprese, apertura del mercato e ammodernamento del sistema Paese. Per quanto riguarda le imprese, il ministro ha parlato soprattutto di misure, mirate soprattutto ad accelerare la crescita dimensionale, spiegando: “Abbiamo deciso un primo intervento fiscale per favorire chi mette capitale nell'azienda per crescere, consolidarsi e fare investimenti, attraverso una sigla che si chiama Ace: si premia fiscalmente il capitale che si mette nelle aziende. La nostra fiscalità finora frenava le imprese, l'Irap penalizza che ha un elevato costo del lavoro e così abbiamo deciso di defiscalizzare l'impatto dell'Irap su risultati delle imprese”.

Per quanto riguarda l'accesso al credito, uno dei problemi più importanti per le imprese in questo periodo, Passera ha poi annunciato un rafforzamento del Fondo di garanzia, con almeno 20 miliardi di credito a disposizione delle Pmi, e tante nuove misure in arrivo, come l'Ice, l'Istituto per il commercio estero eliminato dal Governo Berlusconi, e un sistema di semplificazioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il