Manovra Monti: tasse famiglie. Quanto si spende per ici, iva e aumento benzina

Saranno i meno abbienti i più colpiti dalle nuove tasse



L’aumento delle nuove tasse porterà le famiglie italiane a spendere di più per andare a ‘rimpinguare’ le casse dello Stato, sacrificando i loro bilanci. Aumenterà di nuovo l’Iva, aumenteranno di nuovo i prezzi della benzina, il bollo e tornerà l’Ici, con una vera e propria stangata che colpirà soprattutto i proprietari di seconde e terze case.

La morale della manovra cosiddetta ‘salva Italia’ sta nel pagare sempre di più, e non si sa per quanto. Inoltre, quest’anno, per la prima volta, le tredicesime saranno più basse. Nulla, dunque, può in questo momento allontanare gli italiani dal vivere una vera e propria depressione.

Secondo le organizzazioni dei consumatori Adusbef e Federconsumatori per salvare il Paese una famiglia media (papà, mamma e un figlio, un reddito netto complessivo di 32.000 euro, risparmi in banca per 50.000 euro) spenderà, a partire dal 2014, 1.173 euro in più. Ma la cifra esatta sale a 3.204 euro all'anno se si tiene anche conto, come si deve, delle manovre già fatte dal governo Berlusconi.

Ciò che le organizzazioni dei consumatori lamentano è la mancanza in manovra di interventi a sostegno del potere di acquisto delle famiglie con redditi medio-bassi (attraverso politiche fiscali e sostegni sociali) con l'effetto di accentuare la recessione economica e le disuguaglianze nella distribuzione della ricchezza.

Ma, il governo assicura, che, per esempio, l'aumento dell'Iva colpirà sia i contribuenti virtuosi che i furbetti del fisco, che sarà introdotta l'una tantum sui capitali rientrati con lo scudo e la stangata su yacht, elicotteri e auto di lusso. Dalle simulazioni fatte, però, emerge che, come sempre, a pagare il conto più salato saranno i redditi più bassi, fino a 30mila euro (34 milioni circa).

Loro dovranno pagare un centinaio di euro in più per l'addizionale Irpef, circa 203 euro per l'Imu, qualche decina di euro per il pieno dell'auto e gli aumenti Iva. Risultato finale: 480 euro l'anno di tasse in più. In totale l'1,6% del reddito, il 60% in più di chi di euro ne guadagna 150mila l'anno, che, invece, pagherà 1.483 euro in più.

Gli italiani in questa fascia di reddito sono pochissimi, tra i 70mila e i 150mila euro ce ne sono solo 780mila.  se ne sono fatti rapidamente una ragione dopo aver scampato il pericolo del rialzo delle aliquote Irpef. Male poi andrà ai pensionati con assegni previdenziali appena sopra i mille euro lordi.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il