BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Movimenti bancari: tutti sotto controllo con manovra finanziaria Monti. Come funziona

Misure più ferree contro l’evasione fiscale: dal primo gennaio 2012 tutti controllati



Misure più rigide e ferree contro l’evasione fiscale erano state annunciate ed effettivamente le prime misure della manovra ‘salva Italia’ del giorno Monti si stanno decisamente movendo in questa direzione.

Dal primo gennaio 2012, infatti, ogni movimento bancario sarà controllato dal fisco. Contribuenti messi a nudo davanti al Fisco. Con il pacchetto anti-evasione del decreto salva-Italia, l'amministrazione finanziaria potrà non solo conoscere i redditi dei cittadini e le loro capacità di spesa con il nuovo accertamento sintetico/redditometro, ma avere anche piena visione di tutti i movimenti con gli intermediari finanziari.

Dal primo gennaio 2012, tutti gli operatori finanziari saranno obbligati a comunicare all'anagrafe tributaria periodicamente tutte le movimentazioni che hanno interessato i rapporti finanziari intrattenuti con i contribuenti e ogni altra informazione relativa a questi rapporti necessaria ai fini dei controlli fiscali e dovranno essere comunicati le movimentazioni di ogni soggetto che intrattenga con l'intermediario finanziario, la banca o le Poste Spa, qualsiasi rapporto e qualsiasi operazione di natura finanziaria.

Così facendo, l’Agenzia delle Entrate potrà utilizzare i dati delle comunicazioni fornite dagli operatori per individuare i contribuenti a maggior rischio di evasione. Per dare avvio alla procedura di indagine finanziaria sarà necessaria l'apposita autorizzazione delle direzioni regionali o dei comandi della Guardia di Finanza.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il